Accorciare il ciclo di vendita. Ecco come si fa

Come ormai saprai entriamo e usciamo da centinaia di aziende italiane e abbiamo una visione veramente eterogenea per zone geografiche e per settore merceologico. Ciò che accomuna tutti i nostri clienti è però l’appartenenza a mercati B2B. Lavorando con le imprese italiane non mi stupisco più di riscontrare spesso situazioni di grande carenza culturale ma anche di mancanza di una conoscenza spicciola all’interno del contesto marketing e vendite. Alle volte quando scrivo i post del blog mi capita di dirmi da solo: Andrea ma che banalità stai scrivendo? È una

No. Il tuo settore non è differente!

Riflessione molto veloce. Oggi voglio parlarti del tuo settore. Come faccio a sapere in che settore lavori? Non ti preoccupare ho le mie formule magiche. Facciamo così. Se lavori in mercati B2B, i tuoi clienti sono imprese italiane o straniere (quindi no privati e no enti pubblici) e questo post va bene per te. Vengo al sodo. Il tuo settore non è differente, i tuoi clienti non sono dei marziani, i tuoi problemi non sono solo tuoi, il tuo microcosmo o macrocosmo non è diverso da quello di un’impresa che

Comunica come mangi. E venderai di più!

Post veloce ma (spero) interessante per chi si occupa di comunicazione aziendale. Comunica come mangi. Be’ dipende da come mangi, naturalmente. Che cosa intendo e cosa voglio comunicare? Partiamo dal presupposto che bisognerebbe mangiare bene e che sto dando per scontato che tu lo faccia (non è detto che in realtà sia proprio così ma non voglio dare messaggi subliminali…), devi comunicare come mangi (quindi devi farlo per bene) seguendo le regole che “fanno stare bene e in salute” la tua impresa. Come comunicano le imprese italiane oggi? Mediamente MALISSIMO.

Ecco la ricetta per fare polpette (dei tuoi competitor)

Zona di comfort. Ne avrai sentito parlare, molto, in questo momento storico. L’uomo non vuole fare fatica. Per sua natura. Si adatta, si accontenta. E vive la sua vita, molto spesso, dentro la sua zona di comfort. Il che significa che tendenzialmente non è disposto a uscire dalla stessa perché se da una parte significherebbe alzare (probabilmente) la qualità della sua vita contestualmente implicherebbe aumentare (sicuramente) fatica, dolore, stress. Le imprese sono fatte di uomini. E le imprese (spesso) non vogliono uscire dalla loro zona di comfort. Quante volte mi

Marketing B2B: ecco cosa vende e cosa no

Veniamo subito al sodo. Se quando presenti la tua offerta la prima cosa che fa il tuo cliente è andare all’ultima pagina e guardare il prezzo… be’, hai un bel problema. Per essere ancora più precisi: se l’unico elemento di differenziazione dai tuoi competitor è il prezzo, la tua azienda è in cattive, pessime acque. Il tema del post di oggi è proprio questo: capire cosa cercano i tuoi clienti e quindi cosa vende e cosa invece no. Con grande frequenza entro in imprese che, tra gli altri, hanno un

Pin It on Pinterest

Vuoi ricevere informazioni GRATUITE su marketing e vendite B2B?

Inserisci i tuoi dati solo se vuoi migliorare i tuoi risultati attuali di vendita.